Slide Progetto Blog Contatti Partner Download Login menu Progetto Blog Contatti Partner Download close

keyboard_arrow_down

Slide il Progetto Il progetto Rete senza fili, finanziato dal Ministero della Salute - Centro Controllo Malattie bando 2018, intende promuovere interventi educativi e laboratoriali volti a prevenire e contrastare le nuove forme di dipendenza da Internet. L’intento è quello di promuovere un modello di intervento socio-educativo e di prevenzione primaria basato su azioni che promuovono il senso critico e la consapevolezza nell’uso delle tecnologie digitali (social media, videogiochi, Internet…), migliorando le capacità e le competenze (life skills) dei ragazzi e favorendo l’accesso dei soggetti a rischio ai servizi sociosanitari, attraverso una metodologia attiva e partecipata. What il Progetto Il progetto Rete senza fili, finanziato dal Ministero della Salute - Centro Controllo Malattie bando 2018, intende promuovere interventi educativi e laboratoriali volti a prevenire e contrastare le nuove forme di dipendenza da Internet. L’intento è quello di promuovere un modello di intervento socio-educativo e di prevenzione primaria basato su azioni che promuovono il senso critico e la consapevolezza nell’uso delle tecnologie digitali (social media, videogiochi, Internet…), migliorando le capacità e le competenze (life skills) dei ragazzi e favorendo l’accesso dei soggetti a rischio ai servizi sociosanitari, attraverso una metodologia attiva e partecipata. What Rete senza fili è un progetto di media education in senso ampio: esso, cioè, si prefigge di fare - educazione ai media, stimolando l’analisi dei linguaggi e il senso critico verso i contenuti veicolati; - educazione con i media, rendendo il digitale uno strumento da integrare nel bagaglio formativo tradizionale; - educazione per i media realizzando strumenti utili a leggere i media “scrivendo” con essi; - educazione nei media, trasformando il digitale in un ambiente in cui si generano apprendimenti partecipativi; - educazione sui media, promuovendo consapevolezza critica sull’ecosistema mediale e sugli stili di utilizzo corretti del digitale. Il progetto si articola nei seguenti step: • la formazione dei referenti regionali e degli operatori sociosanitari che attueranno formazioni a cascata a livello locale rivolte ad insegnanti della scuola primaria e ad altri colleghi. • la progettazione e produzione di un kit didattico “Rete senza fili Xcorsi” rivolto agli insegnanti composto da proposte di attività pratiche da effettuare in classe e un manuale “Rete senza fili-Lab” rivolto ad operatori socio-sanitari, dove sono descritte tre esperienze dei centri di riferimento nazionale, Cà Dotta (Veneto), Display e Prox experience (Piemonte). • lo sviluppo a livello locale di un laboratorio dedicato alle tecnologie, rivolto agli studenti di scuola secondaria di primo grado, in grado di offrire competenze e conoscenze per un uso consapevole e non problematico dei media digitali • l’individuazione di indicatori condivisi per la raccolta di informazioni sui servizi socio-sanitari che si occupano di dipendenza da Internet.

WhatWhyWhom What Rete senza fili è un progetto di media education in senso ampio: esso, cioè, si prefigge di fare:
- educazione ai media, stimolando l’analisi dei linguaggi e il senso..
keyboard_arrow_right
Why La sempre più frequente e diffusa insorgenza della dipendenza da Internet e il rischio che bambini e ragazzi sviluppino un uso scorretto ed eccessivo degli strumenti tecnologici.. keyboard_arrow_right Whom Il progetto è rivolto primariamente a:
- alunni delle scuole primarie (5° anno): ad essi sono destinate le proposte di attività descritte nel kit “Rete senza fili Xcorsi” destinato agli insegnanti che..
keyboard_arrow_right
What What (cosa è RsF) Rete senza fili è un progetto di media education in senso ampio: esso, cioè, si prefigge di fare

- educazione ai media, stimolando l’analisi dei linguaggi e il senso critico verso i contenuti veicolati;
- educazione con i media, rendendo il digitale uno strumento da integrare nel bagaglio formativo tradizionale;
- educazione per i media realizzando strumenti utili a leggere i media “scrivendo” con essi;
- educazione nei media, trasformando il digitale in un ambiente in cui si generano apprendimenti partecipativi;
- educazione sui media, promuovendo consapevolezza critica sull’ecosistema mediale e sugli stili di utilizzo corretti del digitale.

Il progetto si articola nei seguenti step:

• la formazione dei referenti regionali e degli operatori sociosanitari che attueranno formazioni a cascata a livello locale rivolte ad insegnanti della scuola primaria e ad altri colleghi.
• la progettazione e produzione di un kit didattico “Rete senza fili Xcorsi” rivolto agli insegnanti composto da proposte di attività pratiche da effettuare in classe e un manuale “Rete senza fili-Lab” rivolto ad operatori socio-sanitari, dove sono descritte tre esperienze dei centri di riferimento nazionale, Cà Dotta (Veneto), Display e Prox experience (Piemonte).
• lo sviluppo a livello locale di un laboratorio dedicato alle tecnologie, rivolto agli studenti di scuola secondaria di primo grado, in grado di offrire competenze e conoscenze per un uso consapevole e non problematico dei media digitali.
• l’individuazione di indicatori condivisi per la raccolta di informazioni sui servizi socio-sanitari che si occupano di dipendenza da Internet.
Why Why (Il fine di RsF) La sempre più frequente e diffusa insorgenza della dipendenza da Internet e il rischio che bambini e ragazzi sviluppino un uso scorretto ed eccessivo degli strumenti tecnologici (social media, videogiochi, Internet…), ossia un super investimento nella rete, rendono necessario proporre e mettere a sistema interventi di prevenzione volti a stimolare la consapevolezza e l’uso corretto delle nuove tecnologie.

Nello stesso tempo, la complessità del mondo contemporaneo richiede che vengano attuate azioni di rinforzo delle life skill, cioè di quelle competenze utili all’individuo per controllare la propria esistenza e per convivere con il proprio ambiente, modificandolo in maniera proattiva. Le attività e gli interventi proposti dal progetto, che prevedono un coinvolgimento diretto dei giovani nell’ottica di rinforzare l’identità, il senso di appartenenza e l’autostima, nonché il pensiero critico e creativo, l’intelligenza emotiva, la consapevolezza di sé, l’empatia e le relazioni efficaci, vanno proprio nella direzione di fornire a bambini e a ragazzi i giusti strumenti per orientarsi e confrontarsi con le rapide trasformazioni della società di oggi.
Whom Whom (a chi è rivolto RsF)
Il progetto è rivolto primariamente a:

• alunni delle scuole primarie (5° anno): ad essi sono destinate le proposte di attività descritte nel kit “Rete senza fili Xcorsi” destinato agli insegnanti che avranno a disposizione metodi e strumenti didattici per affrontare in classe i temi legati alle nuove tecnologie.

• operatori socio-sanitari e altre figure con formazione educativa, possibilmente organizzati in un’équipe multidisciplinare anche di piccole dimensioni, al fine di sostenere interventi o sviluppare un laboratorio permanente per promuovere un corretto ed equilibrato utilizzo delle tecnologie mediali attraverso l’approccio della Media Education e le tecniche di Peer Education.
Ad essi è destinato il manuale “Rete senza fili-Lab”

Slide Materiale
da scaricare
In questa sezione potrai scaricare i due manuali del progetto: XCORSI, contenente le attività rivolte a bambini e bambine, e LAB (con allegati), che raccoglie le esperienze di tre Centri di educazione alla saggezza digitale rivolti a ragazzi e ragazze. Inoltre i partecipanti alle formazioni previste dal progetto troveranno i materiali (slide/video) utilizzati nel corso. Download

Blog

Il diario di bordo del progetto Rete Senza Fili. Uno spazio dove scoprire le attività educative in svolgimento e trovare articoli, riflessioni, video, indirizzi utili per abitare meglio il digitale.

Blog

Il diario di bordo del progetto Rete Senza Fili. Uno spazio dove scoprire le attività educative in svolgimento e trovare articoli, riflessioni, video, indirizzi utili per abitare meglio il digitale.

37

Si è concluso ieri il corso Rete Senza Fili per gli operatori delle ASL Piemontesi. Il corso, inizialmente progettato per essere realizzato in presenza, si

Iniziano i corsi!

Sono in partenza i corsi di formazione per gli operatori delle Regioni partner del Progetto Rete Senza Fili, gestiti dall’Istituto di ricerca e formazione Eclectica

Il gioco infinito

Stiamo provando Stadia, la piattaforma lanciata lo scorso anno da Google per giocare ai videogiochi in streaming. In pratica: non occorre acquistare una Playstation o

Questione di scelte

Qualcuno ha ancora il cancello ad apertura manuale? Quello senza telecomando intendo… Davvero scomodo! A quei pochi (o molti) che ancora non hanno il cancello

Andrà tutto bene

Che cosa succede ai videogiochi in queste settimane di lockdown? Crescono. La chiusura in casa forzata dal Coronavirus ha fatto registrare un aumento di ore

37

Si è concluso ieri il corso Rete Senza Fili per gli operatori delle ASL Piemontesi. Il corso, inizialmente progettato per essere realizzato in presenza, si

Iniziano i corsi!

Sono in partenza i corsi di formazione per gli operatori delle Regioni partner del Progetto Rete Senza Fili, gestiti dall’Istituto di ricerca e formazione Eclectica

Il gioco infinito

Stiamo provando Stadia, la piattaforma lanciata lo scorso anno da Google per giocare ai videogiochi in streaming. In pratica: non occorre acquistare una Playstation o

Questione di scelte

Qualcuno ha ancora il cancello ad apertura manuale? Quello senza telecomando intendo… Davvero scomodo! A quei pochi (o molti) che ancora non hanno il cancello

Andrà tutto bene

Che cosa succede ai videogiochi in queste settimane di lockdown? Crescono. La chiusura in casa forzata dal Coronavirus ha fatto registrare un aumento di ore

Unita operative Unità operative Piemonte Sicilia Veneto Marche Toscana ISS Piemonte Piemonte ASL CN2 Alba - Bra Dipartimento Dipendenze Patologiche referente: Dr.ssa Carmen Occhetto Dipartimento di Prevenzione referente: Dr.ssa Laura Marinaro Patrizia Pelazza ASL Città di Torino Dipartimento delle Dipendenze referente: Roberto Fiorini Sicilia Sicilia ASP3 Catania UO Educazione e Promozione della Salute referente: Dr. Salvatore Cacciola Veneto Veneto AULSS7 Pedemontana Regione del Veneto UO Dipartimentale Prevenzione delle malattie croniche non trasmissibili e promozione salute referente: Dr.ssa Fabrizia Polo Giorgio Dal Santo Marche Marche ASUR Area Vasta n. 2 sede di Ancona, Unità Operativa Promozione della Salute UOC Screening Oncologici - Dipartimento di Prevenzione referente: Dr. Stefano Berti Elisabetta Bernacchia Toscana Toscana USL Toscana Nord Ovest ambito territoriale Viareggio Servizio Dipendenze referente: Dr. Guido Intaschi ISS Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Dipendenze e Doping referente: Dr.ssa Adele Minutillo Piemonte Sicilia Veneto Marche Toscana ISS

Slide-01 Powered by Steadycam

Inserisci nome e indirizzo mail per iscriverti alla newsletter del progetto e ricevere gli aggiornamenti.

Nome e indirizzo mail inviati correttamente.

Controlla la tua posta elettronica e conferma l'iscrizione cliccando sul link presente nella mail.

Iscriviti per ricevere le news